Top Menu
Michelangelo Merisi

Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, non sarebbe nato, come si pensava, nel paese della bergamasca da cui ha preso il soprannome bensì a Milano.
Un ricercatore avrebbe ritrovato i documenti che ne provano il battesimo nella parrocchia di Santo Stefano in Brolo. La scoperta è stata resa nota da Il Sole 24 Ore e verrà in seguito pubblicata anche sulla stampa specializzata.

Mentre eseguiva delle ricerche sulle carte della parrocchia di Santo Stefano in Brolo, Vittorio Pirami, manager in pensione con la passione per la storia dell’arte, ha consultato il volume relativo agli atti degli anni 1564-1587.
“Prima ho scorso il nome, poi come si fa quando si incontra per strada una persona che ci sembra di conoscere, sono tornato sui miei passi e mi sono detto ‘ma quel nome non è quello di Caravaggio?’. Allora sono sobbalzato”.

Così racconta la sua scoperta, avvenuta il 14 febbraio scorso.
Il giorno 30 settembre 1571 era stato scritto agli atti: “Adi 30 fu batz. Michel angelo f.de.f. fermo merixio et d. Luxia de oratoribus/ compare d. fran.co. sessà”, ovvero “Oggi 30 settembre fu battezzato Michel Angelo, figlio del signor Fermo Merisi e della signora Lucia Aratori. Compare il signor Francesco Sessa”.

La nascita di Michelangelo Merisi, quindi, viene fissata al 29 settembre 1571, festa di San Michele Arcangelo, come sostenuto già nel 1985 da Maurizio Calvesi. Due anni prima di quanto si riteneva fino ad ora.
Già era noto agli storici il battesimo del fratello di Michelangelo, Giovanni Battista, nato a Milano il 21 novembre 1572 e battezzato nella chiesa milanese di Santa Maria alla Passarella. Ma non era stato ritrovato alcun documento che indicasse ai ricercatori le tracce di Michelangelo.

Alcune opere di Caravaggio

About The Author

Close