Top Menu
Grotta Cascata Varone

A pochi chilometri da Riva del Garda, salendo lungo la Strada Statale 421 verso Ponte Arche, si trova la Grotta Cascata Varone.

L’architetto Giancarlo Maroni, che firmò il progetto del Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera – la residenza sul lago di Garda di Gabriele D’Annunzio -, realizzò nei primi anni del ‘900 la costruzione che funge da ingresso al Parco della cascata. Dopo aver pagato i 5 euro di ingresso, ci sono due differenti visuali sulla cascata: una dalla Grotta Inferiore ed una dalla Grotta Superiore, posizionata 40 metri più in alto.

Camminando su una comoda passerella – costruita nel 1874 – che si snoda in una serie di curve ed anse, incuneandosi nella montagna, si arriva alla Grotta Inferiore. Qui la cavità della montagna si addentra per 55 metri. Un lungo lavoro di erosione svolto dall’acqua in oltre 20.000 anni, dopo lo scioglimento del ghiacciaio del Garda. Si è accompagnati da un incessante rumore, assordate, provocato dalla caduta dell’acqua in uno spazio assai esiguo.

Per raggiungere la Grotta Superiore, si percorre una comoda stradina tortuosa, in mezzo ai fiori ed alle aiuole del Giardino Botanico, con una bellissima visuale della piana di Riva del Garda.

L’ingresso alla Grotta Superiore è stato scavato nella roccia viva nel 1870. Il tunnel, lungo 15 metri, ci porta nell’imbuto dove scorre la cascata, perennemente immersi in una nebbia di gocce d’acqua. La gola creata dallo scorrere dell’acqua si incunea nella roccia per 73 metri.
Poche volte succede che alla formazione di una cascata si accompagni il formarsi di una “forra” o gola, come è avvenuto a Varone. Un lavoro durato oltre 20.000 anni.

Nelle immediate vicinanze un buon ristorante serve a centinaia di commensali la specialità del luogo: la carne salada con i fagioli, mentre fuori dall’area della Grotta Cascata Varone sono disponibili tavoli per pic-nic ed un bar.

Scrisse nei suoi appunti Thomas Mann – che visitò la cascata nell’inverno del 1901:

Sullo sfondo della stretta, profonda voragine formata da massi di roccia panciuta, nuda, scivolosa come ventri enormi di pesci, la massa d’acqua si riversava giù con rumore assordante. Si udivano dietro, sopra e da tutte le parti richiami minacciosi e ammonitori, trombe e rozze voci maschili.

Immagini della Grotta Cascata Varone

Cascata Varone

About The Author

Close